Notte della Taranta: i controlli della finanza

Segnalati 10 giovani in possesso di dosi di hashish, marijuana e cocaina e contestate 27 mancate emissioni di scontrini fiscali

I finanzieri del Comando Provinciale di Lecce, in occasione dell’evento della “Notte della Taranta”, hanno predisposto un piano straordinario di controlli già iniziato nella mattinata del 28 agosto presso la locale stazione ferroviaria e il foro Boario di Lecce, al fine di controllare le migliaia di persone che in treno e in pulmann si recavano a Melpignano per assistere all'evento. I militari, supportati dai cani antidroga, Valex e Nala, hanno sorpreso 10 giovani che sono stati segnalati alle competenti Autorità di Governo, in possesso di altrettante dosi di hashish e marijuana e cocaina detenuta per uso personale. Nell’area dove di svolgeva l’evento, sono stati effettuati numerosi controlli in materia di rilascio dello scontrino fiscale ed abusivismo commerciale. I controlli hanno permesso di contestare 27 mancate emissioni dei prescritti documenti fiscali per un totale di circa 13.500 euro di sanzioni amministrative. Sono stati scoperti tre venditori ambulanti di bibite e panini destinati alla vendita, sprovvisti della prevista licenza che autorizza tali commerci. Le Fiamme Gialle hanno complessivamente sequestrato circa 600 litri fra birra e vino e oltre 300 panini farciti in cattivo stato di conservazione. I responsabili sono stati segnalati alle competenti Autorità Amministrative. Gli interventi operati al fine di contrastare la contraffazione dei marchi ha consentito di sequestrare centinaia di capi ed accessori per abbigliamento recanti marchi di note griffe abilmente contraffatte. L’operazione è stata condotta da militari delle Compagnie di Otranto e Lecce e della Tenenza di Maglie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!