Luoghi d'Allerta 2010 a Roca Nuova

Itinerari culturali del “Fondo Verri” di Lecce con teatro, musica, canti e racconta storie

Ci sono luoghi che mantengono intatta la loro forza, segni di storia, spesso dimenticati, “laterali” al pensiero consueto dell’idea territoriale. Domenica 29 agosto, i Luoghi d’Allerta – ospiti dell’Amministrazione Comunale di Melendugno che sta per “portatore di dolcezza” – faranno visita a Roca Nova. La storia racconta che “agli inizi del XIV secolo, Gualtieri di Brienne (conte di Lecce), ricostruì e fortificò Roca che sarà abbandonata dalla popolazione rifugiatasi nell'entroterra in seguito alle invasioni turche. I fuggiaschi fondarono Roca nuova (villaggio rinascimentale, da poco restaurato, che presenta una bellissima torre cinquecentesca, una piccola chiesa e alcune abitazioni con stalle e capanne. L'insalubrità del luogo paludoso costrinse gli abitanti di Roca Nuova ad abbandonare il sito intorno all’800). Roca Vecchia venne liberata nel 1481, ma divenne successivamente rifugio di corsari barbareschi, tanto che nel corso del '500 Ferrante Loffredo, governatore della provincia di Terra d'Otranto, dette l'ordine di raderla al suolo”. Nella serata, ci sarà l’azione performativa “Terribili Meraviglie”, con lettura di Silvia Lodi da testi di Mariangela Gualtieri. Roberto Gagliardi accompagnerà al sax, armonium e altri strumenti. Poi ci saranno canti e i suoni di Rachele Andrioli, Donatello Pisanello, Cinzia Marzo e Antonio Pappadà. la poetessa Ilaria Seclì leggerà brani del suo ultimo libro “ Del pesce e dell’acquario” accompagnata dal violino di Giorgio Distante e i tamburelli di Lamberto Probo. E ancora il musica-storie Mino De Santis e Antonio Calò in “Curcitumbule storie di nobili, cafoni, ladri e majati (tra canti e cunti)”; Totò Lu Bimbo chitarra classica e Sandro Lazzari chitarra portoghese in “Canti d'amore di poeti francesi in dialetto salentino”. E in chiusura Mauro Tre, Roberto Gagliardi, Marco Bardoscia. Guida la visita Maurizio Nocera. L'evento è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce e le Amministrazioni Comunali di Giurdignano, Minervino di Lecce, Castro, Melendugno, Guagnano-Villa Baldassarre, Leverano, Arnesano, Trepuzzi, Campi Salentina e Squinzano Con il patrocinio della Regione Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!