Pennelli all'opera… a Copertino

Adriana Cipressa e Stefania Ingrosso presentano la loro nuova mostra bi-personale di pittura

Dal 27 agosto al 5 settembre 2010, presso la Casa del Guardiano in Piazza Largo Castello a Copertino, dopo il successo dello scorso anno ritornano alla ribalta le artiste Adriana Cipressa e Stefania Ingrosso con una nuova Mostra bi-personale di Pittura dal titolo “Pennelli all’opera”.

ingrosso cipressa artiste

Le due pittrici sono pronte a stupirci con una nuova selezione di circa cinquanta opere di diverse dimensioni realizzate con olio su tela, nelle quali il colore e la materia sembrano fondersi tra di loro ed trovando un legame dinamico con l’ambiente ed il soggetto raffigurato. Appassionate di pittura e artigianato, traggono la propria ispirazione da immagini quotidiane, dagli affetti personali o da sogni di luoghi lontani. Adriana Cipressa Estremamente creativa ha iniziato con la realizzazione di opere in ceramica per poi frequentare e successivamente insegnare a corsi di Cartapesta tenuti presso istituti della provincia ed organizzati anche dalla stessa Provincia di Lecce. Appassionata di pittura ha iniziato a dipingere da autodidatta per poi frequentare un corso di pittura presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso “E. Maccagnani” di Lecce. Artista di natura semplice e schietta, dal carattere schivo e poco incline agli esibizionismi, si dedica con tenacia e modestia all'arte pittorica potenziando le qualità intrinseche della sua visione artistica, cercando di raffinare sempre più il suo metodo di lavoro. Stefania Ingrosso Anche lei ha frequentato corso di pittura presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso “E. Maccagnani” di Lecce. Dal carattere allegro e proattivo è sempre pronta ad accogliere ogni sfida, sia sul piano personale sia artistico. Le sue maggiori ispirazioni sono i paesaggi nei quali trasmette la sua continua ricerca del colore, della luce e dello spazio. Orari 18 – 22.30

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment