Nasconde marijuana nel cespuglio: scoperto e arrestato

Il giovane, che si trovava a Torre Lapillo, è stato sorpreso da due carabinieri fuori servizio

Massimiliano Paladini, studente classe 1991, veneto e incensurato, in vacanza nel Salento, è stato arrestato per detenzione illecita di sostanza stupefacente. Era da poco passato mezzogiorno, quando il giovane, che si trovava a Torre Lapillo, aveva scelto un cespuglio per nascondere delle dosi di marijuana, da recuperare in un secondo momento. Non poteva però immaginare che dei carabinieri fuori servizio passassero da quelle parti, proprio in quel momento. Si trattava del comandante della Stazione di Veglie e di un carabiniere già effettivo al medesimo reparto e ora impiegato in Trentino Alto Adige; per loro, in programma qualche ora di relax in riva al mare, prima del ritorno in servizio. I due hanno notato il Paladini mentre era intento a raccogliere qualcosa da un cespuglio e a infilarlo nei calzoncini. Quel particolare ha fatto sospettare che il gesto potesse preludere a un reato. I due hanno allora seguito il ragazzo, lo hanno bloccato e, dopo essersi qualificati, gli hanno chiesto di esibire gli oggetti occultati. paladini ha consegnato spontaneamente due involucri contenenti in tutto 38 grammi di marijuana. Altri 94 della stessa sostanza suddivisa in involucri, oltre a un bilancino di precisione, sarebbero stati poi trovati e sequestrati nell’appartamento in cui dimorava, subito sottoposto a perquisizione. Il Pm di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, dr.ssa Angela Rotondano ha disposto la traduzione del ragazzo presso la casa circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!