A Parabita con “Musei in città”

Il Centro culturale “Il Laboratorio” ha ristrutturato e restituito al pubblico le strutture dell’area demoetnoantropologica

Inserito nella rassegna “Incontri d’Archivio” del Centro culturale “Il Laboratorio” e della città di Parabita, si svolge oggi, con inizio alle 19, nel piazzale di via Scorrana, la manifestazione “Musei in città”. L’iniziativa ripropone in maniera completa a articolata l’area demoetnoantropologica che il “Il Laboratorio” ha completamente ristrutturato. Fra via Scorrana a via S. Giuseppe sono situati il Museo del Vino, il Museo Etnografico, la sede della Cooperativa “Il Cantiere”, la sala multifunzionale, i locali adibiti ad uso di altre forme associative. Si illustreranno le varie funzioni, si intitoleranno alcune strutture a parabitani cui vanno riconosciuti meriti socioculturali, si enuncerà la possibile nascita di un “Museo del Territorio” aperto anche ad altre realtà territoriali. Saranno presenti l’avv. Simona Manca Vice Presidente della Provincia di Lecce e assessore provinciale alla cultura, il prof. arch. Antonio Monte ricercatore Cnr Ibam di Lecce, l’avv. Alfredo Cacciapaglia Sindaco di Parabita. Condurrà i lavori Aldo D’Antico Presidente del Centro “Il Laboratorio”. Sono ormai oltre dieci anni che l’Associazione conduce nel territorio una intensa attività di promozione culturale, attraverso le varie aree di intervento. Per quella archivistico-libraria sono situati a Palazzo Ferrari sia l’Archivio Storico Parabitano con centinaia e centinaia di documenti su Parabita, sia la Biblioteca “Ennio Bonea” con quasi quindicimila libri con la sezione specifica sulla questione Meridionale. L’area espositivo-editoriale con la casa editrice è in via Vitt. Emanuele II con le pubblicazioni de “Il Laboratorio” nella sede allestita anche per le mostre. La riorganizzazione di Musei e Associazioni completa l'opera durata oltre dieci anni per la promozione culturale di un’Associazione che si basa soltanto sul volontariato con la partecipazione di quasi trenta giovani collaboratori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment