Gal Salento: nuove prospettive per il territorio

Auspicato il coordinamento per le attività di cooperazione e internazionalizzazione presso la Provincia di Lecce

La Giunta regionale, nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale della Puglia 2007/2013, ha approvato alla fine del maggio scorso tutti i Piani di Sviluppo Locale (Psl) dell’Asse IV Leader presentati dai sei Gal salentini. “Un fatto politico importante e una straordinaria opportunità di sviluppo che sollecita i territori, le istituzioni comunali e quella provinciale, la Camera di Commercio ed ogni altro soggetto pubblico e privato, a svolgere una puntuale attività di ricognizione dei Piani e una programmazione nella spesa, attraverso una sinergica collaborazione interistituzionale, affinché le misure, le azioni e gli investimenti possano produrre effetti moltiplicatori per le comunità locali salentine” afferma Cosimo Durante, presidente Gal. Si fa riferimento, nello specifico, ad alcune azioni previste in tutti piani di sviluppo che riguardano la cooperazione interterritoriale, transnazionale, che unitamente alle azioni di promozione, forniscono una quadro di attività volte alla internazionalizzazione dei territori “Leader” e quindi del Salento nella sua interezza. “Proprio in questo ambito sarebbe opportuno intraprendere un’attività di coordinamento dei Gal presso la Provincia di Lecce, affinché si possa discutere e approfondire nel merito delle azioni condivise nel campo della cooperazione, promozione e internazionalizzazione per raggiungere obiettivi di maggiore sviluppo e traguardi ambiziosi di una più forte coesione locale”, ha ribadito Durante, dopo aver ricevuto il mandato del CdA del Gal in tal senso, il quale ha poi manifestato ampia disponibilità e collaborazione a lavorare attivamente per la creazione di un tavolo di lavoro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment