Denunciato ottantenne per violazione di custodia di armi

I fucili e le carabine erano regolarmente denunciati, ma conservati in luoghi perfettamente accessibili a chiunque

Dopo querela per minaccia a mano armata, i Carabinieri della Stazione di Porto Cesareo, si sono presentati a casa di un pensionato ottantenne incensurato di Veglie per accertamenti e per effettuare una perquisizione. L'uomo deteneva effettivamente un fucile del genere descritto dalla vittima della minaccia. Ma non solo: in casa c'erano anche otto tra fucili e carabine, oltre a una pistola. Le armi erano regolarmente denunciate, ma conservate in luoghi perfettamente accessibili a chiunque. Il tutto in violazione delle norme in materia che impongon,o a chi detenga armi da fuoco, di custodirle in armadi chiusi e corazzati, o quanto meno con modalità tali da impedirne il prelievo da parte di estranei. La circostanza ha reso necessario il sequestro preventivo delle armi oltre a una denuncia per la relativa omessa custodia (l. 110/75, art. 20) a carico del pensionato e del figlio, anch’egli legalmente detentore di una parte dei fucili. La vicenda aveva avuto inizio in mattinata, quando, al culmine di una discussione tra il pensionato vegliese e un sessantottenne di Nardò scoppiata per presunti debiti insoluti, il primo avrebbe minacciato il secondo con un fucile da caccia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!