Campionato italiano di Judo: sei salentini in gara

Le qualificazioni regionali al Campionato Italiano Cadetti di Judo dei giorni scorsi ha visto qualificati sei salentini

Il Centro Sportivo “Tursport” ha ospitato nei giorni scorsi le qualificazioni regionali al Campionato Italiano Cadetti/e di Judo. Le società leccesi si sono qualificate con sei atleti. Nel settore femminile, tra le sei judoka che complessivamente hanno staccato il biglietto per la manifestazione nazionale, due sono salentine. Si tratta di Chiara Mogavero dell’ASD “New Gym Club” di Copertino, che ha raggiunto l’obiettivo nella cat. kg 63 superando la conterranea Laura Griffini, e Beatrice Sicuro dell’ASD “Nuova Judo Nippon” di Martano, sola categoria kg 70. Nel settore maschile, invece, si sono qualificati Mattia De Icco dell’ASD “Judo Club” di Ruffano che nella categoria kg 50 ha battuto Giorgio Musio della “Shintai” di Supersano; Roberto Riccardo Jonathan De Vitis, della “Shintai” di Supersano, terzi nella categoria kg 60; Danilo Corrado della ASD “Judo Club” Ruffano, solo nella categoria + 90kg. Davvero avvincenti le gare che hanno visto protagonisti Riccardo e De Vitis: in particolare, dopo aver battuto Antonio Marrazzo della Judo San Vito dei Normanni, Riccardo ha perso con Nunzio Romanelli della Judo Trani, ma è poi rientrato in gara per la qualificazione, ottenendo il terzo posto dopo aver eliminato, nell’ordine, Fabio Buonpensiere della ASD “Athlon” di Corato, Adriano Ambrosio del CS Judo Andria e – in finale – il conterraneo Roberto Verdesca della “New Gym Club” di Copertino. Stessa marcia vincente per De Vitis che dopo aver battuto D'Ambrosio, ha superato Pasquale Tarantino della “Judo Club” di Ruffano, fermandosi solo contro Romanelli, che si è qualificato con il primo posto. Ripescato, De Vitis ha vinto la finale per il terzo e quinto posto contro Luigi Maurmo dell’ASD “Salvatore Tunno” di Bari, qualificandosi per la finale Nazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!