Gallipoli: controlli a tappeto contro le truffe alimentari

Riscontrate condizioni strutturali di alcuni locali non idonee, poiché prive di autorizzazione sanitaria

Ieri a Gallipoli, controlli a tappeto dei Carabinieri della locale Compagnia in collaborazione con i militari del Nas di Lecce, al contrasto di truffe alimentari e carenze igienico-sanitarie nei locali pubblici Nello specifico, sono stati ispezionati quattro ristoranti e due bar. Questa attività si inserisce in un monitoraggio di più ampio respiro su tutto il territorio, iniziato già’ nei giorni scorsi e che si concluderà al termine della stagione estiva, per evidenziare eventuali violazioni amministrative e penali. In particolare sono state riscontrate condizioni strutturali di alcuni locali non idonee, poiché prive di autorizzazione sanitaria, mancato aggiornamento del manuale di autocontrollo (Haccp). In due casi, i gestori sono stati denunciati a piede libero per tentata frode in commercio e in un altro caso per cattivo stato di conservazione di congelamento degli alimenti, presenti nei frigoriferi del locale, con attrezzature non idonee e mancata indicazione della data di avvenuto congelamento. In un esercizio commerciale, i militari operanti hanno rinvenuto, nei congelatori, 36 chili di prodotti, suddivisi in buste, riguardanti piatti già pronti e surgelati all’origine (pennette, linguine, gnocchetti o tortelli). Tali pietanze sono risultate inserite nel menù a disposizione della clientela senza però alcuna indicazione relativa allo stato fisico del prodotto pubblicizzato. In un altro ristorante, inoltre, i carabinieri hanno sequestrato 27 chili di prodotti (panini, carne, pesce e crostacei) per il loro cattivo stato di conservazione e per le modalità del loro congelamento, non in linea con la normativa vigente. In questa occasione, il gestore è stato sanzionato per il mancato aggiornamento delle schede di controllo presente nel manuale dell’Haccp, indispensabile per una corretta gestione e verifica dell’efficienza dei macchinari presenti nell’esercizio commerciale e per la corretta conservazione dei prodotti successivamente serviti ai clienti. Durante tali controlli sono state elevate contravvenzioni per un ammontare di circa 4.000 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment