Geotec, diritti dei lavoratori dimenticati

Ugento. Né tfr, 13esima, scatti di anzianità, premi produzione. Né, per alcuni, assegni familiari e stipendio. Minenna chiede a sindaco ed assessore di intervenire

UGENTO – Che fine hanno fatto i diritti degli ex dipendenti della Geotec? Lo chiede Angelo Minenna, consigliere comunale del PdCi, in un’interrogazione urgente inviata al sindaco di Ugento Massimo Lecci ed all’assessore all’Ambiente e alle Politiche del lavoro Antonio Ponzetta. Minenna sollecita i due amministatori ad intervenire al fianco di 22 lavoratori assunti dalla Geotec a tempo indeterminato (nel periodo da settembre 2011 a marzo 2012, quando l’azienda ha gestito il servizio di igiene urbana nel Comune salentino, prima di essere raggiunta da un’interdittiva antimafia) e di altri assunti a tempo determinato. Stando infatti alle notizie riportate nell’interrogazione e riferite a Minenna degli stessi operai, la ditta non avrebbe loro corrisposto il tfr, né la 13esima mensilità, né gli scatti di anzianità ed i premi produzione cui avrebbero invece avuto diritto. Inoltre, alcuni dei lavoratori precari non avrebbero ricevuto gli assegni familiari e parte dello stipendio di marzo. Ecco l’interrogazione del consigliere del PdCi. Alla cortese attenzione del Sindaco del Comune di Ugento avv. Massimo LECCI. Alla cortese attenzione dell’Assessore all’Ambiente ed alle Politiche per il Lavoro sign. Antonio PONZETTA. LORO SEDI Egregi Signori, per sapere, premesso che: – Dall'1 settembre 2011 al 9 marzo 2012 la ditta Geotec Ambiente srl ha gestito il servizio di raccolta dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU) su tutto il territorio comunale. – La medesima azienda ha impiegato 22 operai a tempo indeterminato, ed altri lavoratori assunti in maniera precaria. – Alla data odierna mi giungono costanti e ripetute lagnanze da parte di alcuni nostri concittadini che hanno prestato ( e prestano tutt’ora…) servizio presso la Geotec Ambiente srl. – Tali lamentele riguardano alcuni istituti contrattuali e diritti dei lavoratori, sanciti dal Contratto Collettivo Nazionale di Categoria e dalla legislazione vigente. – Sembra infatti che agli ex lavoratori Geotec non siano ancora stati corrisposti: il Trattamento Economico di Fine Rapporto (TFR); la tredicesima mensilità (a dieci di questi lavoratori); i dovuti scatti d’anzianità ed il premio mensile di produzione. – A ciò vanno ad aggiungersi assegni familiari non versati a favore di personale precario, e rimanenti parti dello stipendio di marzo. Tutto quanto sopra premesso, CHIEDO al Sindaco del Comune di Ugento avv. Massimo Lecci e all’Assessore all’Ambiente e Politiche del Lavoro sign. Antonio Ponzetta, ognuno per i propri ruoli e per le rispettive competenze istituzionali, di sapere se tali notizie da me sopra riportate, che costituirebbero un atteggiamento gravemente lesivo nei confronti dei diritti e della dignità di ogni singolo lavoratore ex Geotec di Ugento, rispondano al vero; altresì, se ciò rispondesse a verità, quali misure intendono porre in essere per venire incontro alle giuste rimostranze del personale dipendente e garantire l’assolvimento all’azienda suddetta di tali obblighi, previsti per legge e per contratto. Con i migliori saluti, Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment