Antonio Buccoliero, propone il terzo cantiere

Terzo cantiere di Buccoliero: messa in sicurezza del tetto della Chiesa di Giorgilorio e recupero di Di Aurio

Sulla necessità di dare concretezza ai 100 cantieri promessi dal governatore, torna con nuovo vigore il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, che ha lanciato dieci cantieri da realizzare nella provincia di Lecce e da inserire nei cento complessivi. Dopo aver presentato i primi due, ossia il ripristino dello stadio di Novoli e la realizzazione, a Collepasso, di un palazzetto dello sport, il terzo cantiere di Buccoliero si concentra sul quartiere di Girgilorio, alle porte di Surbo. Il terzo impegno rivolto alla giunta Vendola, infatti, chiede espressamente il ripristino dell’imponente tetto della chiesa Madonna della Fiducia, seriamente danneggiato dal maltempo, e la valorizzazione della bellissima Chiesetta d’Aurio (XI sec.) con parco circostante, oggi adibito a discarica a cielo aperto. “Si tratta di due diversi interventi – dichiara Buccoliero – che s’inquadrano nella complessiva crescita di un quartiere giovane e vitale come, appunto, quello di Giorgilorio, che solo da pochi anni può finalmente contare su una vera e propria struttura parrocchiale. Purtroppo, nel gennaio scorso, una tromba d’aria ha seriamente danneggiato il tetto della moderna chiesa della Madonna della Fiducia e solo per una fortunata coincidenza non si è registrata una tragedia, dal momento che i pannelli divelti hanno sfiorato un’auto in transito. Sarebbe necessario, dunque, procedere alla messa in sicurezza del tetto, non solo per evitare che altre ondate di maltempo possano creare una situazione di serio pericolo per gli abitanti, ma anche per dare la giusta dignità ad un quartiere che, pur di poter contare su una chiesa vera e un oratorio con strutture sportive, non ha esitato ad autotassarsi per affrontare parte del debito contratto. In questo senso, dunque, la Regione potrebbe offrire un importante segnale attenzione verso un quartiere, che si presenta come uno dei più giovani e vitali del leccese. Un’analoga attenzione, che andrebbe anche riservata alla Chiesetta d’Aurio, la cui cura è nelle mani del parroco di Giorgilorio, don Antonio Murrone. Pur trattandosi di un vero gioiello dell’arte salentina, l’antica chiesa, infatti, è circondata da una discarica a cielo aperto. Occorrerebbero procedere, dunque, alla bonifica del parco circostante e alla conseguente valorizzazione di un gioiello dell’XI sec., che, pur rientrando a pieno titolo nella storia del Salento, può godere solo delle cure e dell’attenzione concrete di un parroco e di alcuni volontari. Del resto – conclude Buccoliero – il rilancio del turismo salentino deve poter ripartire da nuovi percorsi storico – culturali e gastronomici, che il più delle volte sono ignoti non solo ai turisti, ma agli stessi residenti, con grave danno di un intero territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment