Acqua dello sciacquone. Risparmiarla Q.B.

Nasce “Quanto Basta”, un apparecchio che permette di risparmiare fino all’85% dell’acqua dello sciacquone

Ogni volta che scarichiamo sprechiamo fino a 13 litri d’acqua potabile. E' possibile pensare di risparmiare l'acqua potabile che se ne va ad ogni scarico dello sciacquone? Sì, può essere sufficiente scaricare “quanto basta”! Si chiama proprio “Quanto basta” il piccolo apparecchio che si installa nello scarico e consente di risparmiare fino all’85% d’acqua. Il prodotto, ideato da Roberto Paladini, presidente di CulturAmbiente onlus, e sostenuto economicamente dalla cooperativa sociale l'Arcobaleno, si inquadra nell'ambito del progetto Alba, portato avanti dalla cooperativa l'Arcobaleno e da CulturAmbiente onlus nelle due strutture nell'agro di Lecce nelle vicinanze del comune di San Pietro in Lama. Presso le due masserie – che ospiteranno il parco ecosostenibile che il progetto Alba punta a realizzare – è ormai alle porte la conclusione della bonifica, effettuata gratuitamente dall'azienda Axa, dell'eternit presente su alcuni vecchi pollai e vani tecnici. In questo contesto nasce Q. B. L’innovativo apparecchio è stato sperimentato dicembre scorso presso le strutture del progetto Alba e a marzo presso le manifatture Knos, nella sede di CulturAmbiente e in casa di una cittadina sensibile, Cecilia, dando ottimi risultati. Q. B. funziona in modo semplice: tenendo premuto il pulsante, si avrà il flusso d’acqua utile a scaricare i reflui; rilasciandolo il flusso d’acqua si arresterà. L'installazione del prodotto è stata affidata a F.A.R. Eco, un nascente gruppo di lavoro costituito da Roberto Paladini, Antonio Melcore (laureandi in ingegneria dei materiali e meccanica) e Fabrizio Cafaro (dottore in ingegneria dei materiali) che hanno messo appunto il brevetto che stanno procedendo a registrare presso l'ufficio brevetti della Camera di commercio di Lecce. Troverete tutte le informazioni nello spot realizzato dalla società, che potete visualizzare collegandovi a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=zEGCGFqdfAs

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment