Biomasse a Lecce. Va avanti l’iter

L’azienda ha reso noto l’esito della Conferenza dei servizi odierna: Paride De Masi: “Entro il 20 luglio Italgest fornirà ulteriore documentazione”

Si è appena conclusa a Bari la Conferenza dei servizi per la realizzazione dell’impianto “Heliantos1”

In Conferenza di servizi, convocata stamane presso la Regione Puglia, per la centrale a biomasse Helianthos 1, un impianto da 25 megawatt per la produzione di energia elettrica e calore, gemello rispetto a quello di Casarano, Italgest ha consegnato i contratti di approvvigionamento, un accordo quadro con Coldiretti Lecce e un contratto di fornitura dell’olio con una grande società brindisina. La Regione ha chiesto ulteriore documentazione al fine di stabilire e decretare l’autorizzazione a filiera corta dell’impianto che l’azienda si è impegnata a presentare entro il 20 luglio prossimo. L’azienda ha riferito in una nota stampa che è stato ribadito in Conferenza dei servizi che l’impianto ha concluso da tempo positivamente l’iter autorizzativo e che la seduta era stata convocata esclusivamente ai fini della dichiarazione dell’impianto a filiera corta. Sembra andare avanti così la procedura di autorizzazione di Heliantos1, nonostante il “No” espresso dal Consiglio comunale leccese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment