È Ilaria Mazzotta la nuova miss Liabel

Domenica scorsa, a Melissano, serata dedicata alla bellezza. Ilaria Mazzotta la nuova miss Liabel che accederà alla finale di miss Puglia

È Ilaria Mazzotta, 19enne di Monteroni di Lecce, la nuova “Miss Liabel” eletta domenica sera a Melissano. La giovane miss accederà direttamente alla finalissima di Miss Puglia, concorso collegato a Miss Italia, in programma il 22 agosto al Forum eventi di San Pancrazio, nel brindisino. Occhi nocciola e capelli castani, alta 171 centimetri, studia danza da dieci anni e sogna di fare l’attrice. Lavora nella falegnameria del padre, come segretaria, ma intende iscriversi all’università per poi diventare dietologa. Oltre ad Ilaria, che ha conquistato il primo posto, le altre a posizionarsi sul podio sono: Alessia Russo, secondo posto, 19enne di Melissano che ha conquistato la fascia di “miss Rocchetta Bellezza”; Agata Leonetti, terza classificata, 25enne di Monopoli. Il titolo di “Miss Peugeot” è andato a Maria Selenia Gravili, 17enne di Torchiarolo (Brindisi); quinto posto ex aequo per Sara Maggio, 17 anni di Alliste, e Porziarita Bianco, 18enne di Palagiano (Taranto), elette “Miss Wella”. La serata è stata condotta da Angelica Gianfrate e diretta da Mimmo Rollo, esclusivista regionale di Miss Italia che con l’agenzia Parole & Musica organizza le selezioni in tutta la Puglia. Ospite d’onore della serata Samantha Scarlino, di Melissano, finalista a Miss Italia nel 1999. Le coreografie sono state curate da Cintia Moreira, che rivisita in chiave carioca i tormentoni dell’estate; molto acclamate sono state la danza tribale di Igor, che rievoca l’atmosfera d’oltreoceano, e le imitazioni d’autore dal finale pirotecnico di Ivano Trau, rumorista romano vincitore di due oscar europei per gli effetti sonori. Il tour estivo di Miss Italia prosegue il 2 luglio a Barletta, dove sarà eletta “Miss Deborah”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!