CostumeNational apre le porte all’oriente

Ennio Capasa, l’eclettico stilista apre al mercato asiatico con una nuova innovazione tecnologica: il laser

Ultima parola d’ordine: il laser. Usato con successo nelle creazioni, portate nelle ultime sfilate di Milano e Parigi. Lo conferma l’autore in persona, lo stilista Ennio Capasa, di CostumeNational, salentino di origini, origini rigorosamente conservate nel suo cuore. Un nome nel panorama internazionale della moda. Con la sua creatività, il suo estro, il suo essere eclettico, ha abbracciato l’architettura, il designer, la musica. Ecco ora lo sguardo a quella creatività che vuol dire “sartoria e innovazione tecnologica”. “Questa è una collezione che va vista da vicino. È piena di invenzioni che portano la tradizione sartoriale italiana nel futuro. Materiali naturali tagliati con il laser, termosaldature su tessuti couture per realizzare capi integrali, senza cuciture. Trasformando il tailoring tradizionale in techno-tailoring”, dice Ennio Capasa. La sua una sartoria “sperimentale”, una fusione di tessuti strutturati con tessuti leggeri, di lana fresca e seta effetto nylon, materiali tipicamente maschili lavorati e trattati in maniera innovativa. Morbidi e leggeri: cotone/seta, denim, juta, lane leggere, lino, raffia, grisaglie, gessati. E poi i colori, una sequenza precisissima che reinventa sottilmente, ma decisamente la più tradizionale pallette maschile. Dal panna al nero attraverso una moltiplicazione di tonalità grigie e beige, chiare e scure, tutte di grande intensità. “Interamente tagliate a laser e termosaldate senza cuciture, costruite con tecniche che le rendono perfettamente strutturate e contemporaneamente essenziali e comode” come dice ancora Ennio Capasa. CostumeNational, marchio italiano fondato dai fratelli Ennio e Carlo Capasa, opera nel sistema moda da oltre 20 anni. Una moda senza confini che sbarca in Asia. I due fratelli Ennio e Carlo parlano dell’ingresso del gruppo giappo-cinese “Sequedge” come azionista minoritario, con una partnership strategica di lungo-termine. “L’accordo, che non si limita a rafforzare il gruppo da un punto di vista economico, è il punto di partenza di un progetto di sviluppo globale articolato ed ambizioso, con una naturale attenzione territoriale all’area della Cina, del Far East e del Giappone. Il top management di “Sequedge” sarà direttamente impegnato in un progetto dove moda e finanza lavorano nella stessa direzione” come dicono i fratelli Capasa. “Siamo rimasti colpiti dall’assoluta modernità di “Sequedge”, un fondo che integra le migliori competenze nell’investment banking, la disponibilità dei servizi finanziari più avanzati e la forte capacità di sviluppare i business acquisiti. Crediamo in Kazunari Shirai, Ceo di “Sequedge”, e nel suo team, forte e motivato, e nella filosofia aziendale “seek, sequential, edge”, acronimo dell’azienda, che vogliamo condividere per governare lo sviluppo futuro di CostumeNational. Siamo molto felici che Kazunari, da sempre grande ammiratore di CostumeNational, entri a far parte della direzione del gruppo”. I primi risultati della partnership saranno visibili nel 2010 con l’apertura di due monomarca ad Hong Kong e Tokyo. Una curiosità: Kazunari con il suo staff, in questi ultimi giorni si è visto in giro per Lecce, ha ammirato la nostra città e le nostre coste.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!