La Provincia stila una long list

Una long-list della provincia di lecce per esperti di formazione professionale. Pubblicato il bando

Per ricercare tecnici e specialisti per azioni cofinanziate dai fondi comunitari Por Puglia Fse 2007/2013, la Provincia costituirà una long list di esperti esterni all’amministrazione. Gli ambiti di attività riguardano l’assistenza tecnica e supporto alla programmazione degli interventi connessi alla formazione professionale e alla valutazione delle proposte formative pervenute a seguito della pubblicazione di specifici avvisi. Potranno presentare la propria domanda di inserimento Possono presentare domanda di inserimento nella long-list, gli esperti che siano in possesso di laurea specialistica o laurea vecchio ordinamento, con almeno cinque anni di comprovate e documentate qualificate esperienze professionali nella predisposizione di piani e programmi di formazione cofinanziati da FSE, redazione di avvisi pubblici per il finanziamento di attività formative, valutazione per la selezione di progetti rientranti nei programmi FSE. “Riteniamo importante sottolineare un aspetto innovativo di questa nostra iniziativa – commenta Ernesto Toma, assessore provinciale alla formazione professionale – rispetto al passato, gli esperti che vorranno accedere alla long – list oltre ai requisiti professionali richiesti dal bando, dovranno essere assolutamente staccati da enti, associazioni, società che si occupano di formazione professionale. Abbiamo fissato norme molto rigorose per garantire una formazione seria ed eccellente. Coloro che negli ultimi cinque anni hanno avuto rapporti di collaborazione di qualsiasi tipo con enti di formazione professionale, saranno considerati incompatibili e quindi non potranno essere inseriti nella long – list”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!