Tonno rosso. Autorizzazione per pesca sportiva

Per praticare la pesca sportiva del tonno rosso è necessaria un’autorizzazione della Capitaneria di porto. La Guardia costiera di Gallipoli fornisce indicazioni precise

Importanti novità per gli appassionati di pesca sportiva del tonno rosso, praticata lungo l’intero litorale salentino tramite il sistema della “traina” o del “big game” con apposite canne da pesca. Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti, la Guardia costiera di Gallipoli provvede nel comunicare le recenti novità in materia. La possibilità di praticare la pesca sportiva del tonno rosso è ancora in vigore, dal 16 giugno al 14 ottobre, secondo quanto previsto dall’articolo 7 del Regolamento Comunitario 302 del 2009, previa autorizzazione rilasciata dalla Capitaneria di porto o Guardia costiera. L’autorizzazione ottenuta avrà durata triennale e dovrà essere detenuta insieme ai documenti di bordo. Essa consente lo svolgimento dell’attività di pesca ricreativa o sportiva del tonno rosso per tutti i soggetti presenti a bordo, pertanto non è necessaria la presenza a bordo del soggetto che ha presentato la dichiarazione. Per cercare di tutelare la specie del tonno rosso, in forte depauperamento a causa dell’eccessivo sforzo di pesca operato negli anni passati, la Comunità Europea fornisce indicazioni precise in merito alla taglia minima pescabile: 115 centimetri di lunghezza e 30 chilogrammi di peso. La Capitaneria di porto di Gallipoli, inoltre, ricorda che vige il divieto di catturare, detenere a bordo, trasbordare e sbarcare più di un esemplare di tonno rosso per uscita in mare; che è vietata la commercializzazione del pescato e che è consentito esclusivamente lo sbarco di prodotto intero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!