Arpa e violoncello per classiche emozioni

Camerata in concerto con i musicisti Francesca Cavallo e Marco Schiavone al museo “Castromediano” di Lecce

Tra applausi e consensi continuano gli appuntamenti estivi della Camerata Musicale Salentina. Oggi ci sarà un duo di tutto prestigio, formato dall’arpista Francesca Cavallo e dal violoncellista Marco Schiavone. Due giovani talenti. Musica classica che spazierà da Bochsa con i “Notturni” a Tedeschi. E poi di Huber con “Fantasia” e Vivaldi con “Sonata n.5”. Francesca Cavallo, diplomata in arpa presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, sotto la guida della professoressa Anna Maria Manicone, ha partecipato a numerose manifestazioni in diverse formazioni cameristiche. Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista sia in varie formazioni cameristiche: violoncello e arpa, violoncello, arpa e pianoforte, flauto e arpa (in questa formazione ha eseguito come solista il Concerto in do magg. K. V. 299 di Mozart), collaborando con varie associazioni italiane, tra cui “Musikarte’ di Brindisi, “Il Bel Canto” di Lecce. Ha collaborato in qualità di prima arpa con numerose orchestre: l’orchestra del conservatorio “T.Schipa” di Lecce, la Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli di Bari, l’orchestra “Magna Grecia” di Taranto, l’orchestra da Camera “Harmonium” di Lecce e l’Orchestra Nazionale dei Conservatori. Marco Schiavone si è diplomato in violoncello presso il conservatorio di musica “Tito Schipa” di Lecce sotto la guida del maestro Paolo Ferulli. Si è specializzato nei master di: Quartetto con il “Nuovo Quartetto italiano” (Lecce 2007), Musica da camera con il M Demetrio Comuzzi (Roma 2008) e Musica Barocca con il maestro Carlo Barone (Foix Francia 2009). Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista sia in varie formazioni cameristiche: violoncello e arpa, violoncello pianoforte, violino violoncello e pianoforte. Collabora con varie orchestre: Magna Grecia di Taranto,Orchestra “Ico” di Lecce,Orchestra nazionale dei conservatori di Roma.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!