Integrare gli immigrati nel mercato europeo. Seminario a Lecce

Questa mattina nell’ex convento dei Teatini di Lecce il primo seminario del progetto “Capitalize on migrant capacities

Si è dato il via oggi al progetto “Capitalize on migrant capacities” con il primo seminario, che ha preso il via alle ore 9.30 t nell’ex convento dei Teatini a Lecce. Il progetto punta a migliorare il processo di integrazione socio-lavorativa degli immigrati algerini nei paesi del Mediterraneo, soprattutto in Italia e Francia, e affrontare l’impoverimento culturale, economico e sociale algerino, causato dalla cosiddetta“fuga di cervelli”, ossia la migrazione di professionalità qualificate, che diventa uno “spreco” di cervelli per la difficile integrazione nel mercato del lavoro europeo. Si interessa anche del miglioramento del dialogo tra le associazioni di migranti e le autorità locali europee e algerine; inoltre, si occupa di fornire ai futuri migranti un’adeguata formazione prima della partenza riguardo alle richieste del mercato del lavoro europeo e l’effettiva possibilità che la loro professionalità trovi un adeguato sbocco lavorativo, facilitare l’integrazione degli immigrati e rafforzare le loro capacità professionali. Il seminario di questa mattina vede la partecipazione di autorità locali e organizzazioni della società civile italiane, francesi e algerine. L’obiettivo è quello di informare i migranti sulle opportunità lavorative, sul riconoscimento di diplomi e altre qualifiche importanti per evitare l’emarginazione, e confrontarsi con enti locali riguardo i problemi non solo dei migranti algerini, ma anche dei migranti in generale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!