Stefania Rizzo. Viandante in terra di Puglia

In esposizione a Lecce presso la “37 art gallery” la pittrice salentina. La mostra è curata da Francesca Portaluri

di Benedetta Rizzo “Il linguaggio pittorico di Stefania Rizzo ha qualcosa di inconfondibile, ossia una forte componente poetica che lo rende immediatamente riconoscibile.” Così il pittore Nicola Cesari descrive i quadri della pittrice salentina Stefania Rizzo, in mostra presso la 37 art gallery in Umberto I, 37 di Lecce con il titolo “Viandante in terra di Puglia” a cura di Francesca Portaluri. Nata in Svizzera nel 1968, si trasferisce a Depressa di Tricase durante il periodo adolescenziale, e dopo aver conseguito il diploma di stilista di moda, Stefania Rizzo scopre quasi per caso il suo straordinario talento e la sua passione per la pittura, e ne fa il suo mestiere. Inizia perciò a partecipare a diverse mostre e concorsi: dapprima alla collettiva di pittura“note di colore”, in seguito ha presentato a Tricase le sue opere nella personale “fra paesaggi e mandala” e successivamente in quella dal titolo “al chiaror di lune”; e ancora, ha preso parte al Concorso IV Premio Nazionale di Pittura “Il Cavalletto” ad Andrano. Mentre, l’anno scorso ha partecipato alla Collettiva “Colori e Forme del Terzo Millennio ”a Palazzo Balsamo a Specchia e “segni dell’anima.Connubio Lito –cromatico di terra d’Amendolia ” presso le Scuderie di Palazzo Gallone a Tricase. Il paesaggio è la costante dei quadri della pittrice, che predilige la natura salentina (mare, tramonti, campagna) con i suoi colori accessi, soprattutto rosso, giallo e blu. Le influenze dell’artista sono molteplici, ma sicuramente la fonte a cui fa maggiore riferimento è William Turner, uno dei massimi esponenti della pittura romantica europea. Infatti, lo stile di Stefani Rizzo viene proprio definito romantico, in quanto utilizza il paesaggio come espressione dello stato d’animo e rappresenta le parti antiche dei paesi come simbolo del passato che è ancora presente nei nostri giorni. Nei suoi quadri non sono presenti uomini, ma la presenza umana la si evince da elementi che ricordano l’uomo. Anche Antonio D’Aversa è rimasto colpito dal talento della pittrice salentina, della quale dice:”Nei paesaggi rurali e marini matura la consapevolezza del colore attraverso un sentire emotivo. I paesaggi sono accarezzati da una luce solare,metafora di una sua luminosità interiore.” È possibile ammirare le opere di Stefania Rizzo in mostra a Lecce ogni giorno dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e il pomeriggio dalle 17.00 alle 21.00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!