La personale di Kash al Knos

Da venerdì al Cineporto di Lecce in esposizione “Expression Volto Nostro”, la personale di Kash Gabriele Torsello

Expression volto nostro” è il nome della personale di Kash Gabriele Torsello, il fotoreporter di guerra salentino rapito e tenuto prigioniero per 23 giorni in Afghanistan nell’autunno del 2006, in esposizione alle Manifatture Knos di Lecce da venerdì prossimo fino al 9 luglio. L’esposizione è il risultato degli scatti realizzati ai visitatori della mostra “Darwin 1809-2009” all’interno del Castello Svevo di Bari, allestita dal 24 novembre 2009 al 15 febbraio 2010. In quell’occasione Torsello, prendendo spunto dagli affascinanti viaggi di Darwin, ha catturato l’espressione naturale degli osservatori della mostra durante le dodici settimane di apertura, ma anche i volti di coloro che si fermavano davanti a “Lo Specchio Magico”, un’installazione artistica ideata e realizzata da Apulia Film Commission attraverso un gioco di luci ed ombre, in cui i visitatori della mostra venivano visualizzati con effetti sorprendenti in una “ricombinazione genetica” fra immagini di volti diversi. Due le mostre nei cineporti pugliesi. Oltre alla personale di Torsello a Lecce, oggi a Bari si terrà il vernissage del concorso fotografico “Cliciak”, con la speciale sezione dedicata al cinema pugliese, all’interno della quale figurano anche fotografi che hanno scattato alcune scene di produzioni realizzate in Puglia con il contributo di Apulia Film Commission. Cliciak sarà ospitata nel Cineporto di Bari fino al 2 luglio, e poi presso il cineporto di Lecce dal 22 luglio al 22 settembre. Le due mostre in programma tra Bari e Lecce si configurano come ennesima testimonianza dell’efficacia del sistema innescato nel corso di tre anni da Apulia Film Commission: i Cineporti di Bari e Lecce stanno dando vita a un meccanismo produttivo di attività legate tanto alle produzioni audiovisive quanto a una più generale propensione a “fare cultura” con strumenti diversi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!