Lfd chiede casa alla Provincia

“Sfrattata” dall'ex liceo musicale “Tito Schipa” che tra 15 giorni sarà interessato da lavori di restauro, Libera Federazione Donne chiede alla Provincia garanzie per il futuro

Sabato mattina si sono ritrovate nll’atrio di Palazzo Adorno per chiedere alle istituzioni, e in particolare alla Provincia di Lecce, di individuare una sede provvisoria per la loro associazione. Sono le donne aderenti a Libera Federazione Donne che entro il 30 giugno prossimo, quando sarà aperto il cantiere per la ristrutturazione dell'ex liceo musicale “Tito Schipa” dove da un anno e mezzo hanno sede, si ritroveranno senza “casa”. A 15 giorni dall'inizio dei lavori, denunciano, l'amministrazione provinciale non ha fornito alcuna risposta circa il futuro della “Casa delle Donne”. Per la Federazione il primo e imprescindibile obiettivo è infatti quello di tornare nel “Tito Schipa” una volta terminati i lavori di ristrutturazione, “in quella parte – dicono – che ci è stata assegnata in comodato d'uso”. “Sappiamo bene – continuano – che esiste un finanziamento e che i lavori dovranno essere appaltati entro il 30 giugno, ma noi rivendichiamo sia l'impegno profuso nella richiesta di finanziamento sia il fatto che tutte le nostre attività hanno reso viso e fruibile quel contenitore”. Al fianco delle donne e della loro battaglia si è schierata Teresa Bellanova, deputata del Pd, che ha cheisto alla Regione di intervenire a favore di un'associazione “che bene ha fatto alla vita culturale della città di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!