Otto enti convenzionati per l’accoglienza degli immigrati

Provincia e Regione stipulano la convenzione per il progetto Asia. Martedì prossimo il seminario “Migranti. Diritto alla casa diritto alla cittadinanza

Sarà stipulata in mattinata, alle ore 11 a Palazzo Adorno, la convenzione per la pronta accoglienza abitativa di migranti in situazioni di emergenza e di difficoltà, realizzata grazie al progetto Asia “Puglia aperta e solidale, diritto alla casa, diritto di cittadinanza” promosso dalla Provincia di Lecce e dalla Regione Puglia. All’incontro interverranno Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, Filomena D’Antini Solero, assessore provinciale alle Politiche sociali, e i rappresentanti legali degli enti titolari delle strutture che si attiveranno per l'ospitalità d'emergenza. Gli enti coinvolti nel progetto sono la parrocchia S. Lucia di Surbo, la parrocchia di Noha, la fondazione Don Tonino Bello di Cavallino, l’associazione Agimi di Maglie, la parrocchia della Madonna della Fiducia di Giorgilorio-Surbo, il Comune di Nardò, il monastero di San Giovanni Evangelista di Lecce e la cooperativa Rinascita di Copertino. Durante la conferenza stampa, inoltre, verrà presentato il seminario “Migranti. Diritto alla casa diritto alla cittadinanza” che si svolgerà martedì 15 giugno, alle ore 17, nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini. L’obiettivo del convegno è quello di approfondire le tematiche legate alle difficoltà di integrazione abitativa e alle normative esistenti nei rapporti di locazione e di funzionamento del mercato immobiliare, nonché quello di analizzare gli aspetti che riguardano la domanda sociale di alloggi accessibili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!