Aldo Aloisi e il reddito da 5000 euro

L’ex consigliere regionale Aldo Aloisi ha dichiarato al Fisco per l’anno 2008 la cifra di 5.000,00 euro

Aldo Aloisi ha vissuto nel 2008 in condizioni di grave indigenza. Sono state infatti pubblicate sul bollettino ufficiale della Regione Puglia le dichiarazioni dei redditi dei consiglieri relative al 2008. La stragrande maggioranza dei quali dichiara tra i 110 e i 150 mila euro. L’ex consigliere regionale e dipendente Asl in aspettativa Aldo Aloisi, ha invece dichiarato al Fisco per l’anno 2008 la cifra di 5.000,00 euro. Cinquemila euro in un anno. Eppure il consigliere uscente ha affrontato fino a pochi mesi fa una costosissima campagna elettorale che peraltro gli ha fruttato un risultato di tutto rispetto: ben 8.196 preferenze nella lista del PdL, che non sono però bastate per rientrare negli scranni di Via Capruzzi. Il leader di Azzurro Popolare è infatti stato battuto di poco dall’esordiente avvocato gallipolino Antonio Barba. Non ci sfugge che Aloisi sia entrato in Consiglio solo nel luglio 2009 dopo le dimissioni per incompatibilità di Raffaele Baldassarre, eletto a Strasburgo. Ma resta lo sconcerto nel vedere una dichiarazione sotto la soglia di povertà. Nato a Sogliano Cavour nel 1955, Aloisi e' stato consigliere regionale dal 1996 al 2005, presidente della commissione alla formazione professionale, capogruppo di Forza Italia e vicepresidente del Consiglio. Ha forse pesato nella mancata riconferma al consiglio regionale una vecchia “vicenda Telepass” che lo ha portato a una condanna a anno e quattro mesi in primo grado per aver truffato la Regione Puglia con i rimborsi per alcune missioni istituzionali a Roma. In successivi accertamenti fu infatti appurato grazie al Telepass (il sistema di pagamento automatico delle Autostrade) come il Consigliere si trovasse altrove rispetto agli scontrini esibiti per il rimborso. Una vicenda da poche centinaia di euro che però, nel malcontento diffuso contro la “casta”, può aver giocato un suo ruolo negativo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!