Presto un nuovo canile a Casarano

Affidato allo stilista Tommaso Stefanelli il progetto per l’aspetto estetico del nuovo canile di Casarano. La struttura sorgerà nei pressi della zona industriale

Per realizzare il canile comunale Palazzo dei Domenicani si affida a uno stilista. Tommaso Stefanelli, creatore di moda di origini casaranesi, da diversi anni trapiantato a Milano, sarà infatti il curatore dell’aspetto estetico della struttura. Molto sensibile alle tematiche di natura animalista ed ambientalista, Stefanelli avrà il non facile compito di evitare che il ricovero per cani diventi un edificio dalle austere e pesanti sembianze di un bunker. La struttura sorgerà nei pressi della zona industriale, in un’area già individuata dalla precedente amministrazione comunale. La notizia, diffusa ieri con una nota del governo cittadino, è che nei giorni scorsi si è proceduto all’assegnazione provvisoria dell’appalto, per il quale erano stati messi a disposizione complessivamente 157.733,75 euro. E’ stata la ditta “De giorni Daniele” di Taurisano ad aggiudicarsi l’appalto, con un ribasso del 25,091%. Al bando di gara per la realizzazione del nuovo ricovero per cani hanno concorso 36 imprese. Palazzo dei Domenicani definisce la struttura “all’avanguardia e capace di coniugare funzionalità e cura per i particolari estetici”. Il canile sarà dotato di un vasto parco in cui i cani potranno passeggiare accompagnati dal personale di servizio o dai rispettivi padroni. La vera novità è relativa al modo in cui il canile sarà gestito. Nella struttura, infatti, i cani potranno essere lasciati in custodia da chi è costretto ad assentarsi dal proprio domicilio senza poter portare con sé il proprio cane o senza avere nessuno a cui affidarlo. Le bestiole, ovviamente, potranno essere adottate. È prevista, inoltre, una particolare forma di “adozione a distanza ravvicinata”, nel senso che il cane avrà un suo padrone che andrà a fargli visita e a prendersi cura di lui, pur continuando a rimanere nel canile. “La realizzazione del canile – spiega il sindaco Ivan De Masi – rappresenta una delle nostre priorità. Questa struttura è all’avanguardia e capace di coniugare funzionalità e cura per i particolari estetici Contiamo di contribuire a far sviluppare, soprattutto tra i più giovani, il senso di cura e responsabilità nei confronti degli animali. In altre parole – conclude De Masi – prima di prendere con sé un cane o magari non avendo la possibilità di poterlo ospitare nella propria abitazione, chiunque può “adottare” un cucciolo, portarlo a passeggio nel parco e prendersi cura di lui. Il tutto sotto la supervisione del personale del canile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!