Maltempo. Il Salento nell’inferno

Vento, pioggia e grandine si sono abbattuti sul Salento. Maggio come se fosse pieno inverno. Nei dintorni di Maglie anche una violenta tromba d’aria. Pericoli per gli automobilisti

Per la seconda volta nel giro di pochi mesi, stessa zona, stesso orario, danni diversi ma notevoli. Epicentro dello spettacolo alluvionale la zona orientale di Maglie che comprende il poggiardese solcando Santa Cesarea Terme e Castro. In pieno maggio, dal cielo fin dalle prime luci del mattino, così come accaduto nell’ottobre dello scorso anno, è venuto giù di tutto. Acqua come se cadesse da una montagna, fulmini, e chicchi di grandine grossi e copiosi mai notati prima, seguiti da forte vento. Oltre mezzo metro di ghiaccio ha ricoperto case, strade, e campagne di Poggiardo e Ortelle. Presi di mira da una violenta tromba d’aria sono stati il centro abitato e la zona industriale di quest’ultimo paese, messo in ginocchio dalla forza della natura. Risultato? Alcune tettoie scoperchiate, muretti in cemento e a secco abbattuti, alberi, sassi e rami disseminati in vari punti della viabilità pubblica e privata. Colpite e distrutte pure le insegne del capannone dell’azienda ortellese Ciriolo. Stesso spettacolo ad Uggiano La Chiesa. Mentre a Minervino la grandinata in soli 30 minuti (dalle ore 7.45 alle 8.15 circa) ha creato consistenti disagi alla popolazione, anche se tempestivo è stato l’intervento dei componenti della locale Protezione civile. Allagamenti, infiltrazioni d’acqua nelle case e tombini degli impianti di fogna bianca otturati dai chicchi di grandine che hanno fatto da tappo, ingrossando la massa di ghiaccio sulle vie. Di fronte a tutto questo, il sindaco Ettore Caroppo si è detto pronto a chiedere alla Regione Puglia il “riconoscimento dello stato di calamità naturale per venire incontro allo sconvolgimento del nostro territorio. Per fortuna non è accaduta qualche tragedia – dice Caroppo – e questo grazie al senso di appartenenza dei minervinesi intervenuti in massa per soccorrere e dare una mano alle persone in difficoltà”. Altre segnalazioni si sono registrate sulle strade provinciali Uggiano-Minervino dove sono intervenuti mezzi del Comune e sulla Vaste-Cocumola bloccata dal malfunzionamento di un pozzo disperdente di proprietà dell’amministrazione provinciale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!