Roghi

Beniamino Gigli e Cloe Elmo in un memorabile dialogo verdiano

Lui è il bel trovatore Manrico, lei la zingara Azucena. Lui la crede sua madre, lei l’ha scelto come figlio e tanto basta perché si amino profondamente. Il conte di Luna li ha sbattuti in prigione (“orrido carcere”, specifica la didascalia) dove Manrico ricambia l’affetto di tutta una vita cercando di far addormentare la mamma, che sta male, rivede il rogo su cui già bruciò sua madre e va quasi in delirio. Se ancora mi ami e se un figlio può ancora farsi ascoltare da un genitore, per favore dormi. Sì, ma se vedi la fiamma (la vampa di quell’aria famosa già cantata nel II atto, che il compositore ha appena citato come un leitmotiv ossessivo) mi raccomando, svegliami. Poi vagheggia un ritorno a casa, fra i monti, e una vita quasi da cortigiana, o da tranquilla borghese che riposa nel suo chalet svizzero-aragonese, mentre il figlio è lì nella cameretta a strimpellare il liuto. È una delle scene più tenere di tutto il teatro verdiano, che sul tema della paternità/maternità gioca e s’interroga tantissimo. Qui con il celebre Beniamino Gigli accanto a Cloe Elmo, leccese che anche a Lecce molti hanno forse dimenticato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!