Biomasse. Un Italgest infopoint per saperne di più

Aprirà domenica alle ore 10 presso l'Araldo di Casarano l'Italgest Infopoint per rispondere alle domande dei cittadini sulla centrale a biomasse

Domenica mattina a partire dalle ore 10, presso il teatro Araldo a Casarano sarà aperto un Italgest Infoint, ovvero un punto informativo al quale tutti i cittadini si potranno rivolgere per avere le informazioni che cercano in merito all'impianto per la produzione di energia da biomasse “Heliantos 2” che Italgest vuole realizzare nel territorio di Casarano. Presso l'infopoint si terranno incontri con medici, scienziati e advisor tecnologici. “Spero che tale iniziativa – dichiara Paride De Masi, amministratore delegato Italgest – possa contribuire ad evidenziare la bontà dell’investimento e non la mera speculazione come qualcuno ha voluto far credere. L’Italgest infopoint vuole essere utile all’intera cittadinanza, che ha il diritto di essere ben informata e non presa in giro quotidianamente con argomentazioni pressappochiste che poco o a hanno a che fare con l’effettiva utilità di simili impianti. Il rispetto per l’opinione pubblica è sacro e Italgest vuole contribuire ad affermare il pensiero libero e indipendente basato unicamente sulla realtà dei fatti e su argomentazioni tecnico-scientifiche serie. Non smetterò mai di ribadire che il futuro modello di sviluppo è soprattutto nelle energie rinnovabili e se non lo comprendiamo oggi, domani il nostro ecosistema in generale e l’economia del Mezzogiorno in particolare, potrebbero non avere altre vie d’uscita”. L’Italgest infopoint sarà aperto tutti i giorni dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 17,00 alle 20,00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!