Casarano. Nasce la newsletter del Piano sociale di zona

Ieri lo start ufficiale. Il sindaco Ivan De Masi: “Il servizio servirà a superare la distanza tra Istituzioni e cittadini”

È partito ieri il nuovo servizio di newsletter creato allo scopo di raggiungere il più alto numero di cittadini dell'Ambito territoriale sociale di Casarano. Il servizio ha preso il via al termine di un complesso lavoro di programmazione che ha visto coinvolti contemporaneamente e sinergicamente i Servizi sociali comunali, l’Asl, la Provincia di Lecce, l’amministrazione penitenziaria, le istituzioni scolastiche , il privato sociale e l’intero Ambito territoriale sociale di Casarano. “Il metodo partecipativo utilizzato nella redazione del Piano Sociale di Zona – spiega Ivan De Masi, sindaco di Casarano – garantirà delle misure in grado di rispondere il più possibile alle esigenze riscontrate nel territorio. Siamo consapevoli, però, che anche i migliori progetti, se non riescono a raggiungere i rispettivi destinatari, sono assolutamente inutili. È in questo modo che grandi occasioni si trasformano in inutili e dannosi sprechi. Il servizio di newsletter cerca di superare la distanza che separa le Istituzioni dai cittadini”. “Questo strumento – aggiunge Giulia Tenuzzo, assessora ai Servizi sociali – nasce dall'esigenza di condividere e informare tutti i cittadini su quanto di nuovo si sta attuando in tema di welfare integrato nel nostro territorio, secondo la programmazione del Piano Sociale di Zona 2010-2012. La vera sfida, però, è quella di alimentare un dialogo che sia foriero di nuove reti di solidarietà, scambio e collaborazione su tutto il territorio dell’Ambito e, cioè, nei sette Comuni di Casarano, Collepasso, Matino, Parabita, Ruffano e Supersano. Saremo lieti, pertanto, di accogliere domande, proposte, offerte, idee, segnalazioni. Questo strumento è pensato proprio per essere una piattaforma di dialogo, di approfondimento e di conoscenza. Sarà nostro compito farne tesoro e risorsa per questa nostra comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!