Processo a D'Odorico: si comincia il 16 settembre

E' stato fissata per il prossimo 16 settembre la prima udienza del processo per la presunta truffa a danno di Antonio e Vincenzo Barba nella cessione delle quote societarie del Gallipoli Calcio

Si aprirà il prossimo 16 settembre, presso la sezione distaccata di Gallipoli del Tribunale di Lecce, il processo a Daniele D'Odorico e il socio di minoranza Christoph Concina sulla presunta truffa a danno di Antonio e Vincenzo Barba nella cessione delle quote societarie del Gallipoli Calcio. Per il sostituto procuratore titolare del procedimento, la dottoressa Stefania Mininni, D’Odorico e Concina avrebbero truffato i Barba, facendogli credere “con artifici e raggiri, di avere assoluta disponibilità finanziaria”per acquistare la società, “serbando maliziosamente il silenzio sulla circostanza dell’esistenza di due iscrizioni ipotecarie sui beni di loro proprietà”. Inoltre, si legge sempre negli atti, i due acquirenti non avrebbero mai presentato ai vecchi proprietari né la garanzia fideiussoria prevista per il 15 settembre scorso, né i due ratei di 500mila e un milione di euro previsti rispettivamente per il 30 settembre e 30 dicembre scorso. Di qui l’emissione del decreto di citazione a giudizio. Le quote del Gallipoli calcio sono attualmente sotto sequestro preventivo, affidate ad un custode ed amministratore giudiziario, il dottor Ivan Carpentieri. E’ stato lo stesso custode giudiziario a rigettare le dimissioni di Daniele D'Odorico dal ruolo di Amministratore unico del Gallipoli Calcio, presentate nell'assemblea ordinaria dei soci tenutasi lo scorso 28 aprile. La squadra jonica, penultima in classifica nella serie cadetta, attraversa una fase assai delicata, che tiene con il fiato sospeso i tifosi giallorossi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!