Agenti aggrediti. Uomo in arresto

Ippazio Antonio Turco, trentasettenne di Tricase, è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Prognosi di cinque giorni per l’agente ferito

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tricase hanno arrestato Ippazio Antonio Turco, un 37enne del posto, già noto alle forze dell’ordine, per il reato di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e per porto abusivo d’arma. Posteggiata la propria auto in divieto di sosta, Turco è stato invitato da due agenti della Polizia Locale di Tricase Porto a spostare l’autovettura. Alla richiesta luomo ha reagito in maniera stizzita, e all’ulteriore invito a rimuoverla ha iniziato ad apostrofare i due agenti in malo modo in un crescendo di ira, passando ben presto dagli insulti alle minacce. A questo punto gli operanti gli hanno richiesto un documento d’identificazione proprio e della vettura, ma l’uomo è salito in macchina ed ha tentato di allontanarsi. Al fine di impedirne la fuga, uno dei due agenti si è posto davanti all’autovettura di Turco, ma il trentasettenne ha innestato la retromarcia ed ha tentato di investire l’agente situato dietro la vettura, che è riuscito ad evitare per un pelo di essere travolto, ma subendo comunque un forte colpo al ginocchio destro. Sceso dalla macchina Turco ha poi iniziato a strattonare e spingere violentemente l’ormai claudicante agente mentre il suo collega contattava la centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Tricase. In pochi istanti è giunto sul posto un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile che ha condotto Turco in caserma dove è risultato positivo al test alcolimetro. Gli agenti del commissariato di Tricase hanno inoltre rinvenuto nell’autovettura un coltello a serramanico. Convalidato l’arresto, Turco è stato trasferito presso Borgo San Nicola a Lecce, mentre l’agente aggredito, condotto al pronto soccorso del “Panico” di Tricase, è stato giudicato guaribile in cinque giorni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!