Droga in un negozio del centro. Arrestato

Un 34enne è finito in carcere con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La base dell'attività era un negozio in pieno centro

Gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile hanno arrestato, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, Raffaele Tarantino, 27enne originario di Lecce ma residente a Surbo, titolare di un negozio del centro cittadino. La sua compagna, F. F. 34enne della provincia di Lecce, che gestisce con lui il negozio, è stata invece indagata in stato di libertà per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, in concorso. Da qualche tempo gli agenti dell’Antidroga, nel corso dell’attività investigativa tesa a contrastare il diffuso fenomeno dello spaccio di stupefacenti “al minuto”, avevano notato che in un elegante negozio del centro di Lecce vi era uno strano via vai di giovani, alcuni dei quali conosciuti perché assuntori di sostanze stupefacenti. Sospetti confermati dopo i controlli effettuati su un cliente del negozio, trovato in possesso di due bustine contenenti 5 grammi di marijuana. Subito dopo, gli agenti facevano irruzione nel negozio nel quale erano nascoste varie tipologie di sostanze stupefacenti, la maggior parte delle quali già suddivise in dosi pronte per lo spaccio. In particolare, gli stupefacenti erano abilmente occultati all’interno di alcuni barattoli in latta di note case di detersivi, di bibite e di olio per motori ai quali, alla base, era stata creata un’apposita filettatura che consentiva di chiuderli senza che si potesse notare a. Dopo il blitz degli agenti Raffaele Tarantino è stato condotto presso la Casa Circondarla di Lecce a disposizione del sostituto procuratore di turno.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!