Aggrediti dal branco per uno sguardo. Chiuse le indagini

Chiuse le indagini preliminari per il pestaggio avvenuto a Botrugno una sera d'agosto del 2008 a danno di due ragazzi di 20 e 17 anni. Cinque gli indagati

Sono accusati di violenza privata, lesioni personali e danneggiamento, con l’aggravante dei futili motivi e della presenza di più aggressori, i cinque ragazzi di Botrugno, tutti di età compresa tra fra i 19 ed i 22 anni, autori del pestaggio avvenuto una sera di agosto del 2008 nei confronti di due ragazzi di 20 e 17 anni. Secondo la ricostruzione dei fatti a innescare la violenza del gruppo fu un semplice sguardo che il più grande dei due avrebbe rivolto nei confronti del “branco”. Poco dopo l’auto delle due vittime fu letteralmente circondata, in prossimità del Palazzo Baronale, dai cinque amici in cerca di rissa. Volarono pugni e calci, principalmente in direzione del 20enne, colpevole di essere originario di Poggiardo, un posto ostile ai suoi aggressori. I due riportarono fortunatamente conseguenze non gravi. Anche l’auto fu danneggiata. La vittima fu convocato dai carabinieri della stazione di Poggiardo, che avevano raccolto elementi su di una violenta rissa avvenuta fra ragazzi. Il 20enne a quel punto confermò l’episodio e raccontò quanto accaduto con dovizia di particolari. Nei giorni scorsi il sostituto procuratore titolare del procedimento, Giovanni De Palma, ha chiuso le indagini preliminari. Ai cinque indagati è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!