Biomasse a Casarano. De Masi: “Pronto a farmi da parte”

L'amministratore delegato di Italgest: “Mi sarei aspettato delle controproposte rispetto ai miei progetti, invece solo invettive e bugie con le gambe corte che saranno presto svelate”

Con riferimento agli articoli apparsi oggi sull’impianto a biomasse di Casarano, in particolare sulle posizioni espresse dal Coordinamento intercomunale “No alla centrale” organizzato dall’associazione “Energia, ambiente e vita”, Italgest precisa che non ha diffuso alcuna nota stampa relativamente allo scioglimento della joint venture con Rcf Group S.p.A. “Le strumentalizzazioni – afferma Paride De Masi, amministratore delegato – sono quelle che portano a parlare di inceneritori o mostri e che non guardano alla realtà delle cose. L’unica certezza è che il danno che si sta arrecando allo sviluppo economico di una realtà capace di riconvertirsi è inaccettabile. I tempi dei piani industriali non possono attendere i capricci di comitati nati strumentalmente per la necessità di visibilità di qualcuno. L’atto di scioglimento di una joint venture così importante, definito lo scorso 13 aprile, è la conseguenza di un clima di terrore creato ad arte e che mortifica l’immagine di una città da sempre ospitale e di gente per bene che non può essere presa in giro da stregoni dell’ultima ora che gridano al disastro ambientale. Ikea, multinazionale dell’arredo, ha deciso di impiantare in ogni punto vendita un impianto ad olio vegetale per alimentare il proprio fabbisogno energetico, contribuendo così alla salvaguardia del pianeta. A Casarano invece ciò diventa l’affare per pochi e che non porta benefici a nessuno. Mentre Ikea decide di realizzarlo e lo fa senza blocchi demagogici di sorta, nel Salento si continua a ritardare la tempistica di un piano industriale, un accordo di riconversione sottoscritto addirittura il 1° aprile 2008 in sede confindustriale (due anni fa, sigh….) che oltre a contribuire a produrre energia rinnovabile, guarda anche ad una riconversione possibile che purtroppo, a questo punto, speriamo faccia qualcun altro. Mi sarei aspettato delle controproposte rispetto ai miei progetti, invece solo invettive e bugie con le gambe corte che saranno presto svelate. Bisogna far ritornare a ‘respirare’ una città. I danni provocati da questo atteggiamento saranno considerevoli per tutti. Chi si rende complice di questa scellerata situazione è giusto che ne risponda direttamente ai cittadini. Ovviamente con la coscienza a posto sono pronto anch’io, dopo Rcf Group, a farmi da parte”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!