Arrestato dopo un inseguimento da brivido

L'uomo, un noto pregiudicato originario di Minervino, ha provato a sottrarsi ad un controllo di Polizia. Dopo una folle corsa lungo la strada statale 275, è stato bloccato e arrestato per possesso di droga

Nella serata di ieri a Montesano, gli uomini della Squadra Mobile, impegnati nei servizi di prevenzione disposti dal Questore di Lecce sull’intero territorio della provincia per contrastare il fenomeno delle “stragi del sabato sera”, mentre era intento a raggiungere alcune località della costa del sud Salento, hanno intercettato sulla statale 275 una autovettura Bmw mod.320 di colore grigio alla cui guida veniva riconosciuto Giuseppe Rotundo, originario di Minervino di Lecce, di 48 anni, noto pregiudicato anche per associazione di stampo mafioso. Alla vista degli agenti che gli avevano fatto segno di accostare sul margine della strada con la paletta segnaletica al fine di procedere al suo controllo, l’uomo, anziché fermarsi ingranava improvvisamente la retromarcia percorrendo velocemente diversi metri. Tale pericolosa manovra veniva notata da un altro equipaggio della Squadra Mobile, che si trovava in coda fermo al semaforo, e che pertanto tentava di bloccare l’autovettura. Nella circostanza il Rotundo, che intanto aveva invertito il senso di marcia, speronava violentemente l’auto della pattuglia, dandosi alla fuga in direzione di Lucugnano imboccando a tutta velocità la via Scolozzi. Con la Bmw lanciata a forte velocità il Rotundo percorreva, inseguito dalle auto della Squadra Mobile, alcune strade ingenerando un serio e grave pericolo sia per altri automobilisti, che per evitare la collisione erano costretti a brusche frenate, che per alcuni pedoni, anch’essi costretti a veri e propri salti per evitare di essere investiti. Nel corso della fuga, l’auto del Rotundo, per l’alta velocità, andava anche a sbattere, arrecando danni, contro la parete esterna e la ringhiera di un’abitazione ubicata in via Risorgimento. Quindi sulla via Vecchia per Lecce, poco prima di essere bloccato dagli agenti all’altezza della rotatoria situata alla periferia dell’abitato di Montesano, il predetto veniva notato gettare un involucro dal finestrino che, subito recuperato, risultava contenere gr. 11 circa di cocaina. Pertanto l’uomo veniva tratto in arresto con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e accompagnato presso la casa circondariale di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!