Lizzanello, attrezzi rubati ad un contadino 80enne

Il furto si è verificato nella notte tra l'11 e il 12 aprile scorso. I tre ladri sono stati presi dai carabinieri e denunciati a vario titolo per furto in concorso, favoreggiamento e ricettazione

Nella notte tra l’11 ed il 12 aprile scorso i ladri si erano introdotti all’interno dell’abitazione di un anziano 80enne di Lizzanello ed avevano asportato vari attrezzi da lavoro, un compressore d’aria, un martello pneumatico un decespugliatore, due motoseghe e vari altri utensili. Il furto era stato denunciato dall’anziano agricoltore, ora in pensione, alla stazione carabinieri di Lizzanello. Ne era partita una attiva ricerca, che si era concentrata su una serie di soggetti del posto, dediti a reati contro il patrimonio. Particolare attenzione è stata posta nei confronti di due soggetti, D.R. 34enne e S.E., coetaneo, del posto, già noti alle Forze dell’Ordine, che erano stati notati proprio dai militari di Lizzanello aggirarsi in zone isolate del paese dove si erano verificati anche altri furti. Da qui i due sono stati messi sotto lente di ingrandimento. Gli accertamenti, svolti con riscontri, perquisizioni ed informazioni testimoniali, hanno portato uno dei soggetti ad ammettere il coinvolgimento nel fatto reato. A crollare è stato D.E. che ha ammesso di aver aiutato il suo compagno a nascondere la refurtiva, ma di non aver partecipato al furto. I successivi approfondimenti svolti hanno portato ad un altro soggetto, D.B., 48enne sempre di Lizzanello, sempre noto alle Forze dell’Ordine, nel cui fondo sito sulla strada per Frigole erano stati occultati gli oggetti provento di furto. Il giorno dopo la refurtiva era stata però venduta presso il mercato ortofrutticolo di Lecce a delle altre persone. Nonostante tutto la refurtiva è stata però rinvenuta e recuperata in Località Frornello di Lizzanello. Riconosciuta dal legittimo proprietario è stata interamente restituita dai carabinieri di Lizzanello. I tre ladri sono stati denunciati a vario titolo per furto in concorso, favoreggiamento e ricettazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!