La Provincia presenta il manuale di comunicazione interculturale

Con la presentazione del volume a cura di Michela Valeri, si chiude il progetto “Le cento voci della mia Provincia”

Pronto il “Manuale di comunicazione interculturale” in cui attraverso i racconti di testimoni privilegiati, si ripercorrono i molteplici aspetti della comunicazione verbale, non verbale e relazionale che caratterizzano le diverse culture. Il lavoro, a cura di Michela Valeri, sarà presentato domani, alle ore 18, nella biblioteca provinciale “Nicola Bernardini”, in piazzetta Carducci a Lecce. A seguire, alle ore 19, un gruppo di ragazzi beneficiari delle attività del progetto a Roma, presenteranno la performance teatrale risultato del workshop “Dal testo al gesto, tecniche di teatro danza ad uso dei mediatori linguistico culturali”. Per finire, l’esibizione del gruppo musicale keniano “Big Matata”. Quella di domani è la manifestazione finale del progetto “Le cento voci della mia Provincia”, avviato grazie al finanziamento del bando “ProvincEgiovani 2009” emesso dall’Unione delle Province Italiane, con fondi del Ministro della Gioventù, e che ha visto la collaborazione tra il Centro Turistico Studentesco e giovanile, la Provincia di Lecce e la Provincia di Roma, due amministrazioni molto diverse, sebbene con caratteristiche e problemi comuni. All’iniziativa parteciperanno l’assessore provinciale alle Politiche educative Marcella Rucco, l’assessore alle Politiche giovanili della Provincia Bruno Ciccarese, il rappresentante del Cts, partner del progetto, Rocco Lionetto, e Michela Valeri, autrice del manuale. All'interno del progetto “Le cento voci della mia Provincia” sono state realizzate varie attività (dai workshop ai laboratori fino ai seminari) finalizzate a facilitare il dialogo interculturale tra i giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni con bagagli interculturali, etnici e religiosi differenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!