Febbre alta. Muore in ospedale a Scorrano

Il marito della 34enne di Muro Leccese ha sporto denuncia contro il personale sanitario del nosocomio. La Procura ha aperto un fascicolo. Sei i medici indagati a piede libero

E’ morta in seguito ad una febbre alta, presso l’ospedale di Scorrano, senza che il marito che lì l’aveva accompagnata potesse capire che cosa stesse accadendo. Una spiegazione, infatti, ancora non c’è. Ciò che si sa è che Rita Coluccia, 34 anni, di Muro Leccese, l’altro ieri sera aveva la febbre alta. Talmente alta che l’intervento domiciliare prima del medico di Guardia medica e poi del medico di famiglia non è stato sufficiente e si è reso necessario il suo trasporto in ospedale. Ma anche in nosocomio la temperatura ha continuato a salire senza tregua fino a che la giovane non è spirata, nel pomeriggio. Il marito, un artigiano di 40 anni, ha sporto denuncia nei confronti del personale sanitario dell’ospedale. L’accusa è di omicidio colposo. I medici indagati a piede libero della Procura di Lecce sono sei. Titolare del fascicolo è il pm Giovanni De Palma. I carabinieri hanno sottoposto a sequestro la cartella clinica della 34enne, la cui salma è stata trasportata presso l’obitorio dell’ospedale di Lecce a disposizione dell’autorità giudiziaria. Domani mattina sarà sottoposta ad autopsia da parte del medico legale Alberto Tortorella.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!