Piante nane di canapa indiana in casa

E’ il primo sequestro in provincia di Lecce di questa varietà di Cannabis Indica. Cresce più velocemente, rimane bassa e dunque facilmente occultabile, contiene più thc

Sono stati i militari del Nucleo Investigativo di Lecce ad effettuare la scoperta: un musicista 25enne di Lecce coltivava nella veranda di casa cinque piante di un tipo assai particolare di Cannabis Indica per la prima volta presente nel mercato illecito del capoluogo. Si tratta infatti di una pianta “nana” di canapa indiana che ha la peculiarità di crescere in appena 40 giorni, arrivando all’altezza massima di circa 20 cm e di essere costituita da sole inflorescenze ove è contenuto tutto il principio attivo “THC” della pianta stupefacente. Questo tipo di canapa indiana, oltre alla facile occultabilità, alla sua coltivazione in tutte le stagioni dell’anno, consente di aver concentrato in una sola pianta un alto grado di principio attivo. Si tratta del primo sequestro in provincia di Lecce di questo tipo di canapa indiana che già da oggi i carabinieri hanno inviato ai laboratori del Ris per i necessari riscontri scientifici sul principio attivo delle inflorescenze e sul probabile incrocio con le proprietà di una potente pianta messicana. Ieri in tarda serata, dopo una serie di appostamenti all’abitazione del giovane sita nella zona di viale Grassi i carabinieri hanno deciso di fare irruzione per verificare la natura di una soffiata che dava indicazioni sull’introduzione di questo nuovo tipo di canapa. A difendere le cinque piante di droga e ulteriori dieci grammi circa di marijuana già essiccata e nascosta in un contenitore deumidificante custodito nell’armadio della stanza da letto, vi era un grosso pitt-bull. Oltre alla droga e ad uno spinello già confezionato che il compositore possedeva al momento in cui i militari lo hanno bloccato prima dell’irruzione, è stato sequestrato anche un bilancino con tracce di stupefacente. Il giovane musicista è stato denunciato a piede libero dai carabinieri per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!