Arrestato marocchino già espulso dall’Italia

Si trovava a Gallipoli senza i regolari permessi. Ad un controllo dei carabinieri è risultato già inosservante di un decreto di espulsione emesso a Crotone nel 2005

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Gallipoli hanno arrestato, per inosservanza del decreto di espulsione dal territorio dello stato italiano, Hassan Aiadi, nato in Marocco, classe 1982. L’operazione che ha portato all’arresto dell’uomo ha avuto inizio nel primo pomeriggio di ieri quando una pattuglia dell’aliquota radiomobile ha fermato e identificato, per controlli, un furgone con a bordo quattro extracomunitari, che sostava, in maniera sospetta, nei pressi dell’istituto nautico. In seguito ad un controllo approfondito presso la caserma, i militari hanno identificato due cittadini tunisini, in possesso di regolari documenti di identificazione, già noti per reati contro il patrimonio, e due cittadini marocchini, sprovvisti di documenti. I primi due sono stati deferiti in stato di libertà per favoreggiamento all’immigrazione clandestina; nei loro confronti è stato proposto un foglio di via obbligatorio dal Comune; gli altri due, invece, sono stati trattenuti presso il Comando. Dopo ulteriori accertamenti è emerso che Aiadi era già inosservante di un decreto di espulsione dal territorio nazionale, emesso dalla Questura di Crotone nel 2005 ed è stato e pertanto arrestato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!