Il nuovo amministratore diocesi di Ugento

Si tratta di Mons. Gerardo Antonazzo. Resterà in carica fino alla nomina del nuovo vescovo

Mons. Gerardo Antonazzo è stato nominato amministratore diocesano della diocesi di Ugento dal 1 aprile 2010. Nato a Supersano (Le) il 20 maggio 1956, ordinato sacerdote a Supersano il 12 settembre 1981, educatore fino al 1987 al Pontificio seminario Romano Maggiore e rettore del Seminario vescovile di Ugento dal 1987 al 1995, Mons. Gerardo Antonazzo si è laureato in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma con specializzazione in Re Biblica presso il Pontificio Istituto Biblico in Roma. Vicario episcopale per la pastorale diocesana dal 2000 al 2010 e Vicario Generale Diocesano dal 6 gennaio 2010 fino alla morte del Vescovo Mons. De Grisantis. E' stato anche Direttore della scuola diocesana di formazione teologico-pastorale, incaricato diocesano per la pastorale giovanile sino al 2009 è stato animatore della Scuola di Preghiera per i giovani. Sin dal 1997 ha condotto i giovani della diocesi alle varie Giornate Mondiali della Gioventù iniziando da quella di Parigi. Con il Centro Diocesano di Pastorale Giovanile ha promosso corsi di formazione per animatori di gruppi giovanili delle varie parrocchie. Parroco della parrocchia “S. Sofia” in Corsano (Le) dal 1995 al 2004 Assistente Ecclesiastico dell’Equipe Notré Dame Assistente Ecclesiastico dell’Agesci Parroco della Parrocchia “Sant’Andrea Apostolo” in Presicce dal 2004 ad oggi L’Amministratore diocesano ha tutte le facoltà ordinarie del governo della diocesi, e permane in carica fino alla nomina del nuovo vescovo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!