L'avvio della Comunicazione Unica per le imprese

Concluso il periodo di sei mesi per la sperimentazione, la Comunicazione Unica per l’avvio, modifica e cessazione dell’attività d’impresa prende il via

Riguarderà ora oltre sei milioni di imprese attualmente esistenti in Italia e tutti coloro che, dal 1° aprile 2010, intenderanno aprire o effettuare gli adempimenti connessi con una qualunque iniziativa economica in forma d’impresa: è la Comunicazione Unica, ormai nota a tutti gli operatori professionali come “ComUnica”, è la procedura attraverso la quale le nuove imprese potranno assolvere, al massimo in sette giorni, gli adempimenti dichiarativi verso Registro delle Imprese, INPS, INAIL e Agenzia delle Entrate mediante la presentazione di una modulistica informatica integrata e semplificata indirizzata (per via telematica o su supporto informatico), alla sola Camera di commercio competente per territorio. In pratica, la “regia” delle comunicazioni viene affidata al Registro delle imprese della Camera di Commercio che diventa l’unico front office telematico per tutte le registrazioni ai fini dell’attribuzione del codice fiscale e/o della partita IVA (Agenzia delle Entrate) e per l’iscrizione al Registro delle Imprese, ma anche ai fini previdenziali (INPS) e assicurativi (INAIL), nonché a breve per gli adempimenti connessi con l’Albo delle imprese artigiane, l’Albo delle cooperative ed il Ministero del Lavoro. La nuova procedura dovrebbe garantire, a regime, tempi certi e veloci per i riscontri da parte delle singole Amministrazioni: all’impresa giungerà infatti immediatamente, presso una casella di posta elettronica certificata (PEC), la ricevuta di protocollo della pratica che costituisce titolo per l’immediato avvio dell’attività. Al massimo nei sette giorni successivi, ciascuno degli altri enti coinvolti (Registro delle imprese, INPS, INAIL e Agenzia delle Entrate) garantirà l’evasione della eventuale pratica di propria competenza, restituendo i dati e gli atti necessari all’imprenditore mediante il canale telematico per certificare l’esistenza e l’operatività della neonata impresa. La stessa procedura si applicherà ad ogni altro evento della vita di un’impresa (modificazioni e cessazione dell’attività), riducendo così ad un unico canale il flusso di tutte le notizie e informazioni che l’impresa è tenuta ad inviare alle pubbliche amministrazioni coinvolte. Per le informazioni sulle procedure da utilizzare e i software necessari, è possibile consultare il portale www.registroimprese.it. Nel consueto spirito di collaborazione con i professionisti e le imprese del territorio, oltre alle ulteriori iniziative già avviate, tra cui appositi corsi formativi (il modulo di prenotazione è scaricabile dal sito www.le.camcom.it), la Camera di Commercio di Lecce ha istituito, nel periodo che si prevede di maggiore difficoltà per gli operatori, un servizio denominato “ASSISTENZA COMUNICA”, con lo scopo di fornire una prima assistenza all’utenza nell'utilizzo delle nuove procedure grazie al supporto degli operatori camerali. Il servizio “ASSISTENZA COMUNICA” è già operativo dal lunedì al venerdì, in orari di apertura al pubblico, presso lo Sportello Unificato per le Imprese (S.U.I.), fino al 16 aprile 2010. Si ricorda che, allo stesso scopo, sono già attivi i call-center di riferimento: – Call-Center Registro Imprese: 199.50.20.10 – Call-Center INPS-INAIL: 803.164 – Call-Center Agenzia delle Entrate: 848.800.444

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!