Fitto: “Hanno voluto farci perdere”

La colpa della sconfitta di Palese è nell’alleanza Poli Bortone-Udc. E' questa l’analisi del voto fornita da Raffaele Fitto che nei prossimi giorni analizzerà le “stranezze” della ultim’ora

Ne è ancora convinto: Rocco Palese sarebbe stato un ottimo presidente. Il miglior presidente della Puglia, aggiunge. Raffaele Fitto, ministro per gli Affari regionali, non ci sta ad interpretare la parte dello sconfitto. Lui che su Rocco Palese aveva puntato sin dall’inizio, andando contro anche al premier, inizialmente scettico sulle scelta, e garantendo in prima persona che il centrodestra ce l’avrebbe fatta senza troppe difficoltà. Ma poi, questa è stata l’analisi fornita dal ministro magliese nella serata di ieri, è successo qualcosa di strano. “Un accordo – ha dichiarato Fitto – non so se ufficiale o sottobanco, ci sarà stato, negli ultimi giorni, quando hanno visto che era possibile la rimonta”. Il riferimento è ad Adriana Poli Bortone, candidata per il terzo polo, ed a Pier Ferdinando Casini, leader nazionale dell’Udc, la “autonomia” dei quali al ministro non è proprio scesa giù. “C’è stato – ha aggiunto – uno strano ricorso al voto disgiunto che sicuramente non ha favorito il centrodestra e che andrà ben esaminato nei prossimi giorni. D’altra parte l’Udc ed Io Sud governano con il centrosinistra dalle ultime Amministrative in molte realtà importanti e non potevamo dimenticare questo dato quando c’è stato da scegliere il candidato”. In definitiva, “Ci hanno voluto far perdere: la candidatura di Adriana Poli Bortone e l’alleanza con l’Udc aveva l’obiettivo esclusivo di indebolirci. Vendola deve ringraziarli entrambi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment