Palese: “Ha perso la Puglia”

La sconfitta di Rocco Palese, candidato del centrodestra ha fatto eco in tutte le province pugliesi. Anche in quella di Lecce, dove si sentiva a casa. “Una strategia per farci perdere”

“E’ la Puglia che ha perso. Vorrei sbagliarmi ma purtroppo è una sconfitta drammatica soprattutto per i pugliesi”. Sono le parole con le quali Rocco Palese ha commentato i risultati elettorali. La sua sconfitta, quella che dice di essere la sconfitta della Regione intera, e la vittoria schiacciante di Nichi Vendola. Il candidato del centrodestra non è andato oltre il 42% di preferenze; troppo lontano, in ogni momento dello spoglio, dal governatore uscente per poter sperare di raggiungerlo. Per poter contare in quella rimonta ipotizzata da Raffaele Fitto e da tutti i suoi quando, negli ultimi giorni di campagna elettorale, hanno cercato di convincere fino all’ultimo indeciso. Tentativo fallito: gli indecisi non sono affatto andati a votare; ed i centristi hanno scelto Adriana Poli Bortone. E’ stata una sconfitta amara, benché il medico di Acquarica abbia ripetuto alle telecamere di essere sereno e di aver voglia di rimettersi subito al lavoro di “oppositore”. “Faremo opposizione costruttiva e leale”, ha detto, non risparmiando di fornire la sua personale analisi del voto: “C’è stata una strategia precisa per farci perdere”, ha detto, riferendosi senza troppi misteri alla candidatura di Adriana Poli Bortone con i partiti di centro. Una sconfitta amara perché si è ripetuta in tutte le province pugliesi. Anche nella provincia di Lecce, a casa sua. Qui, a pochi seggi da scrutinare, il candidato del centrodestra aveva uno svantaggio di due punti rispetto all’avversario. Difficile, non c’è dubbio, da digerire.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!