Racale, scoperta discarica abusiva

L'area di circa 4000 metri quadri, nelle vicinanze del locale cimitero, è stata sequestrata

I Carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce, coadiuvati da quelli della Stazione di Racale, hanno sottoposto a sequestro preventivo, nelle vicinanze del locale cimitero, un’area di circa 4000 metri quadrati, di proprietà comunale, sulla quale erano stati abbandonati ingenti quantitativi di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi, costituiti da serbatoi di cemento-amianto, onduline in amianto, sfalci di potatura, terre e rocce da scavo, rifiuti plastici, pezzi di autovetture e lapidi cimiteriali frantumate. Le indagini sono ancora in corso per risalire agli autori degli illeciti. L’operazione è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Lecce ed alle competenti autorità amministrative.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!