Paduli, appello di Italia Nostra: “Basta con gli scempi ambientali”

Divampa la protesta contro i venti ettari di pannelli fotovoltaici che saranno installati a Cutrofiano, in pieno parco dei Paduli

La notizia del progetto di un ennesimo vasto impianto fotovoltaico, questa volta di addirittura 20 ettari in pieno Parco dei Paduli, con maxi pannelli insegui-sole alti 5 metri e più, scatena i comitati e le associazioni, tra cui Italia Nostra in primis, che si stanno battendo con l’appoggio di cittadini, agronomi, studiosi, medici, ingegneri e politici di ogni colore, per la difesa del territorio salentino e del neonato Parco Paduli, istituito nei luoghi dove un tempo si estendeva fitta la “Selva del Belvedere”, anche lì nota come la “Foresta di Cutrofiano”. Italia Nostra, insieme ad altre associazioni culturali vicine, ha già svolto un partecipato urgente sopralluogo, appurando che il sito dove si vorrebbe istallare il vastissimo impianto industriale è nelle adiacenze della strada provinciale Cutrofiano-Supersano. “Il progetto, della durata di almeno vent’anni, che vedrebbe l’uso di lenti Fresnel e celle-fotovoltaiche ad alta efficienza”, hanno denunciato alcuni abitanti del luogo, “si sta presentando come sperimentale per poi esportare la tecnologia in Africa, nel deserto, ma si tratta della stessa tecnologia e delle stesse scusanti adoperate per un medesimo impianto presentato ed in progetto a Minervino, lì almeno di soli, si fa per dire, 3 ettari, ed in zona artigianale; qui si sta parlando di 20 ettari, l’equivalente di 28 campi di calcio regolamentari, troppo per un esperimento, che peraltro dovrebbe durare almeno 20 anni; e poi il tutto in totale zona agricola in un Parco naturale e rurale, quello dei Paduli”. Un Parco che è stato istituito per salvare un’area di alto pregio paesaggistico, dove vivono rarissimi e protetti animali, come il Tritone italico, ed in cui si dovranno finanziare, come previsto dal nuovo Piano Paesaggistico della Puglia, che lo ha scelto come parco pilota, solo progetti di rimboschimento, di alto recupero della naturalità e delle suggestioni pittoresche del paesaggio rurale, nonché favorire il biologico ed un agricoltura di recupero delle varietà agro-pastorali della locale tradizione! “Tutto ciò è inconciliabile con questo ennesimo progetto industriale che offende la rinascita e salvaguardia di questo territorio splendido, già vilipeso da un eccessivo sfruttamento geologico”. Da qui l’invito di Italia Nostra Sud Salento (presidente Marcello Seclì) al Comune di Cutrofiano, già vessato da decine di richieste per altri selvaggi impianti fotovoltaici sempre a terra, a non avallare, né le precedenti richieste, né tantomeno quest’ultima; l’invito “a non svendere il proprio territorio in cambio di denaro-royalty o altro benefit, né a lasciarsi abbindolare dal fumo che accompagna queste proposte, quali l’utilizzazione dei suoli per piantare erba medica o la creazione di fasce piantumate per la mitigazione di un troppo vasto sfregio al paesaggio, che nell’agro di Cutrofiano, specie poi nel sito in questione, sarebbe davvero intollerabile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!