Porte aperte allo Scientifico di Maglie

In questi giorni sarà possibile visitare la sede dell’istituto “Da Vinci” di Maglie, dove i docenti illustreranno attraverso dimostrazioni pratiche e simulazioni di lezioni, i laboratori presenti nella struttura

Il liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie apre le porte agli studenti con una serie di giornate di orientamento. In questi giorni sarà infatti possibile visitare la sede dell’istituto dove i docenti illustreranno attraverso dimostrazioni pratiche e simulazioni di lezioni, i laboratori presenti nella struttura (linguistico, multimediale, chimico-fisico). “Il Da Vinci – spiega Maria Rita Meleleo, dirigente scolastica – è una delle poche scuole del territorio che in questi ultimi anni ha fatto registrare un trend più che positivo in termini di incremento della popolazione scolastica. Nei suoi 40 anni di vita ha conosciuto ritmi di crescita costanti, a testimonianza di un riconosciuto apprezzamento presso i giovani studenti, le loro famiglie e quanti seguono con interesse socio-culturale le sorti e le dinamiche dei processi formativi. Attualmente lo Scientifico conta 42 classi per un totale di 1100 studenti e studentesse provenienti da ben 45 Comuni, appartenenti ad un vasto bacino che va ben al di là del Distretto n. 43. Ormai è risaputo: questa scuola sta diventando sempre più garanzia assoluta di una preparazione culturale solida, che coniuga i saperi con la vita, la tradizione con l’innovazione, in grado di proiettare i ragazzi e le ragazze verso traguardi di successo e di piena realizzazione di sé e delle proprie aspirazioni professionali”. L’offerta formativa del Da Vinci si arricchisce di svariate opportunità didattico-educative, tra queste la IX edizione del Certamen nazionale fisico-matematico “Fabiana D’Arpa”, patrocinato dal Miur e da altri enti di rilevanza culturale e istituzionale, con l’assegnazione di otto borse di studio del valore di 300 euro ciascuna agli alunni più meritevoli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!