Il salento arriva a Londra

È il salento uno degli ospiti d'onore della Fiera del made in Italy di Londra. Storia, cultura e gastronomia per presentare il volto più bello della Puglia

Fiera dedicata al made in Italy a Londra. Con lo scopo di promuovere prodotti e servizi della gastronomia pugliese ed in particolare salentine, la manifestazione ha combinato cultura, storia, moda e cucina italiana presentando le ultime novità degli stilisti, le destinazioni turistiche più belle, cucina e vini conosciuti e stimati in tutto il mondo. In più, una parentesi dell'evento è stata mirata esclusivamente agli operatori, distributori e importatori, offrendo l'opportunità di sviluppare rapporti commerciali con gli acquirenti. La delegazione pugliese, guidata dal Presidente Antonio Russo, ha visto protagonisti anche Rosario Cometa, produttore agricolo di Francavilla Fontana e Daniele Stampete. Grande entusiasmo e successo attorno ai prodotti del territorio ha espresso anche il presidente della Camera di Commercio italiana di Londra Leonardo Simonelli, con l'augurio di instaurare futuri rapporti commerciali tra la Puglia e Londra. Salento Nostro ha voluto in tal senso rappresentare sette tra aziende e produttori del brindisino; quattro della provincia di Lecce; due di Taranto. Il Comune di Squinzano ha poi presentato il corto “Vino Amaro” per la regia di Enzo Pascal Pezzuto: storia dello sfruttamento delle uve e del vino dei produttori locali da parte degli imprenditori del nord che in passato utilizzvano gli uvaggi salentini per tagliare vini anche noti come, Chianti e Barbera. Per l’occasione è stato presentanto anche il programma del 46° Festival Internazionale del Film turistico che si terra’ dal 27 al 30 maggio a Lecce. Festival fondato mezzo secolo fa da Antonio Conte e che per la seconda volta torna a Lecce, con la direzione di Toni Primiceri. Il Presidente Russo ha voluto sottolineare inoltre l’importanza di puntare ad una maggiore qualificazione dell’offerta turistica attraverso attrattive ed itinerari caratteristici del salento alla scoperta di Dolmen, Menhir, grotte, antiche masserie trasformate in originali agriturismi, itinerari del vino, dell’olio e del gusto per un salento “nascosto” ma con un alto potenziale di sviluppo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!