Lupiae Servizi. Il Consiglio di Stato: “Prima il bilancio, poi le quote rosa”

Il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza con cui il Tar ordinava a Perrone di inserire almeno una donna nel CdA ed una nel Collegio sindacale della società partecipata

Il Consiglio di Stato (con decreto n. 1214) ieri ha accolto l’istanza di sospensione cautelare della sentenza del Tar di Lecce che ordinava al sindaco Paolo Perrone di nominare rappresentanti femminili all’interno degli organi societari della Lupiae Servizi (almeno una donna nel Consiglio di Amministrazione ed una nel Collegio sindacale), a seguito di ricorso dei consiglieri comunali del centrosinistra (Quarta, Spagnolo, Povero, Rotundo, Torricelli, Foresio, Benincasa e Colucci). Il Consiglio di Stato ha ritenuto “grave ed irreparabile” il pregiudizio discendente dall’esecuzione della sentenza del Tar, dovendo gli organi sociali provvedere entro la fine del mese all’approvazione del Bilancio di esercizio, per cui, al fine di consentire il corretto funzionamento della società, si è reso necessario sospenderne gli effetti fino alla decisione in sede collegiale. “Si tratta di un altro durissimo colpo alle strategie del centrosinistra di Palazzo Carafa – ha commentato Perrone – e dell’ennesimo naufragio della ‘via giudiziaria’ di una opposizione senza idee e senza progetti. Non sono nostri i sotterfugi, come disse la consigliera Quarta, ma quelli del centrosinistra che sposta la contesa politica dall’aula consiliare a quella delle aule di giustizia. Questo decreto a toglie alla centralità del tema della rappresentanza femminile nella politica e nelle Istituzioni, per il quale non accettiamo lezioni dai consiglieri di minoranza. Non smetterò mai di ricordare loro – ha concluso – che nel mio staff composto da undici persone ci sono ben otto donne. Altro che quota rosa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!