Nardò, aumentano i controlli da parte della Polizia

Nel corso dei controlli gli agenti hanno identificato e denunciato all'autorità giudiziaria B.G. di 35 anni, incensurato di Nardò, per ricettazione di oggetti e merce rubata e possesso non giustificato di attrezzi atti allo scasso

Nel corso degli ultimi giorni è stata intensificata l’opera di prevenzione delle attività criminose con particolare riferimento a quelle in danno del patrimonio, rinforzando il dispositivo di controllo del territorio nella città di Nardò e nei comuni limitrofi già effettuato dal personale della Squadra Volante e della sezione di Pg del Commissariato di Nardò, impiegando le unità speciali del Reparto Prevenzione Crimine di Lecce, così come disposto dal Questore Antonino Cufalo. Nel corso dei controlli sono state identificate circa 300 persone e fermati una settantina di veicoli. Sono state elevate 16 contravvenzioni al codice della strada per varie violazioni tra le quali mancata copertura assicurativa del veicolo che ha determinato il sequestro amministrativo dello stesso e conduzione di ciclomotore senza casco. In particolare sono stati intensificati i servizi di controllo del territorio nel corso delle ore serali e notturne sia sulle arterie principali che nelle zone di periferia e soprattutto durante il fine settimana. Tra i controlli sono state effettuate anche delle perquisizioni domiciliari e in alcuni casolari di campagna. In contrata “Rene” di Nardò in un terreno di proprietà di B.G. di 35 anni, incensurato di Nardò, nel corso di una perquisizione sono stati rinvenuti una tagliapiastrelle una smerigliatrice, un motore marino ed una valigetta con all’interno un trapano avvitatore del tipo professionale, completo di due batterie e di rispettivo caricabatteria. Le immediate indagini hanno consentito di stabilire che gli attrezzi erano provento di due distinti furti, denunciati nei giorni scorsi in questo ufficio che venivano restituiti ai legittimi proprietari. Nel corso delle attività di controllo il trentacinquenne neretino incensurato è stato trovato in possesso anche di un attrezzo da scasso tipo “palanchino e di un piede di porco” con i quali, non si esclude, possa aver commesso direttamente i furti denunciati in questo ufficio.Lo stesso verrà segnalato al Questore per l’emissione di idonea misura di prevenzione finalizzata ad impedire che si renda autore di simili analoghi reati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!